Fondazione Fratelli tutti

No products in the cart.
0

Non per la morte ma per la vita – Vangelo di domenica 26 marzo

Gesù sa che il suo caro amico è morto e non si scompone davanti a questo terribile lutto. Raccoglie i discepoli e torna in Giudea a casa di Lazzaro, nonostante sia molto pericoloso, perché sa che c’è bisogno di lui.

L’amicizia o è totale o è mancante, deficiente, menzoniera
Don Giussani, Dare la vita per l’opera di un altro Entro nel testo
Mi preparo

Scelgo di incontrare il Signore.
Mi concentro e vado oltre le mie preoccupazioni e i miei pensieri.
Faccio un segno di croce ed esprimo interiormente il desiderio di stare alla Sua presenza.

Entro nel testo

In quel tempo, le sorelle di Lazzaro mandarono a dire a Gesù: «Signore, ecco, colui che tu ami è malato». All’udire questo, Gesù disse: «Questa malattia non porterà alla morte, ma è per la gloria di Dio, affinché per mezzo di essa il Figlio di Dio venga glorificato». Gesù amava Marta e sua sorella e Lazzaro. Quando sentì che era malato, rimase per due giorni nel luogo dove si trovava. Poi disse ai discepoli: «Andiamo di nuovo in Giudea!».

Quando Gesù arrivò, trovò Lazzaro che già da quattro giorni era nel sepolcro. Marta, come udì che veniva Gesù, gli andò incontro; Maria invece stava seduta in casa. Marta disse a Gesù: «Signore, se tu fossi stato qui, mio fratello non sarebbe morto! Ma anche ora so che qualunque cosa tu chiederai a Dio, Dio te la concederà». Gesù le disse: «Tuo fratello risorgerà». Gli rispose Marta: «So che risorgerà nella risurrezione dell’ultimo giorno». Gesù le disse: «Io sono la risurrezione e la vita; chi crede in me, anche se muore, vivrà; chiunque vive e crede in me, non morirà in eterno. Credi questo?». Gli rispose: «Sì, o Signore, io credo che tu sei il Cristo, il Figlio di Dio, colui che viene nel mondo».

Gesù si commosse profondamente e, molto turbato, domandò: «Dove lo avete posto?». Gli dissero: «Signore, vieni a vedere!». Gesù scoppiò in pianto. Dissero allora i Giudei: «Guarda come lo amava!». Ma alcuni di loro dissero: «Lui, che ha aperto gli occhi al cieco, non poteva anche far sì che costui non morisse?».

Allora Gesù, ancora una volta commosso profondamente, si recò al sepolcro: era una grotta e contro di essa era posta una pietra. Disse Gesù: «Togliete la pietra!». Gli rispose Marta, la sorella del morto: «Signore, manda già cattivo odore: è lì da quattro giorni». Le disse Gesù: «Non ti ho detto che, se crederai, vedrai la gloria di Dio?». Tolsero dunque la pietra. Gesù allora alzò gli occhi e disse: «Padre, ti rendo grazie perché mi hai ascoltato. Io sapevo che mi dai sempre ascolto, ma l’ho detto per la gente che mi sta attorno, perché credano che tu mi hai mandato». Detto questo, gridò a gran voce: «Lazzaro, vieni fuori!». Il morto uscì, i piedi e le mani legati con bende, e il viso avvolto da un sudario. Gesù disse loro: «Liberàtelo e lasciàtelo andare».

Molti dei Giudei che erano venuti da Maria, alla vista di ciò che egli aveva compiuto, credettero in lui.

Mi lascio ispirare

Gesù sa che il suo caro amico è morto e non si scompone davanti a questo terribile lutto. Raccoglie i discepoli e torna in Giudea a casa di Lazzaro, nonostante sia molto pericoloso, perché sa che c’è bisogno di lui.

Quando Gesù arriva nel villaggio, Maria e Marta mostrano due reazioni molto diverse per la morte del fratello: Marta si agita, si muove, è lei che ha mandato a chiamare Gesù ed è lei che gli va incontro per prima dicendogli: “Signore, se fossi stato qui!” e Gesù resta saldo e forte mentre la consola rivelandole l’eternità della vita per coloro che hanno accolto il Signore. In questo dolore così drammatico, troviamo la smisurata fede di Marta che risponde: “Signore, io credo che Tu sei il Cristo”.

Poi arriva Maria a sconvolgere la compostezza di Gesù, a rivelare il volto più umano di Dio. La donna si getta ai suoi piedi e quando Gesù la vede in lacrime e vede piangere tutte le persone arrivate insieme a lei si commuove profondamente, si sente turbato e scoppia in pianto.

Quanto commuove l’umanità di Dio che si scomoda per vivere insieme a noi il dramma della morte che tanto ci devasta, che viene sempre ad abitare il nostro dolore. Quanto sono credibili le lacrime di un Dio che si fa uomo per gli uomini, che ci salva non dalla morte ma nella morte.

Il vero risorto non è Lazzaro ma tutti coloro che, vedendo, hanno creduto nel Signore.

Gesù salvando Lazzaro firma la sua condanna a morte, eppure ci rivela un Amore che non è capace di calcoli, di convenienze. L’amore, anche nell’amicizia, può essere solo totale.

Possiamo amare in modo davvero libero solo se ci affidiamo totalmente al Signore, se affidiamo a lui anche la paura della morte.

Possiamo fidarci, non siamo soli!

Immagino

Visualizzo la scena provando ad immaginare il luogo, i personaggi, i dialoghi, i toni e i gesti.
Lascio che emergano i miei sentimenti, ciò che più mi colpisce, le emozioni che provo.
Accolgo il mio sentire, senza censure, senza giudizi.

Rifletto sulle domande

Quando mi trovo nel pianto, come Maria, riesco ad accogliere il Signore e farlo entrare nel dolore che vivo?

Come Marta, mi sento capace di vivere la Parola del Signore a tal punto da non temere più la morte, da trovare una consolazione nell’eternità della vita?

Come Gesù fa con Lazzaro, mi sento capace di vivere i rapporti di amicizia in modo totale senza valutare ciò conviene?

Ringrazio

Come se mi rivolgessi ad un amico, parlo con il Signore e con sentimento di gratitudine gli esprimo ciò che sento di ricevere da lui in questo momento.
Recito un Padre nostro per salutarlo e uscire dalla preghiera.

Archivio articoli

Oltre la giustizia – Vangelo di domenica 17 settembre

Oltre la giustizia – Vangelo di domenica 17 settembre

“Fino a che punto è giusto perdonare un fratello se è colpevole?” è la domanda che ci facciamo tutti almeno una volta nella vita. È una domanda frutto della paura…

Al di là della paura – Vangelo di domenica 3 settembre

Al di là della paura – Vangelo di domenica 3 settembre

“Dio non voglia, questo non ti accadrà mai!”: Pietro, nella sua meravigliosa immediatezza, esprime la fragilità umana che abbiamo tutti di non voler perdere chi amiamo.

Pietra viva di umanità – Vangelo di domenica 27 agosto

Pietra viva di umanità – Vangelo di domenica 27 agosto

«Ma voi, chi dite che io sia». Gesù non cerca consensi ma rapporti veri, coinvolgimenti affettivi autentici: “cosa ti è successo quando mi hai incontrato?”, questa è la domanda che…

Briciole di fede – Vangelo di domenica 20 agosto

Briciole di fede – Vangelo di domenica 20 agosto

“Non le rivolse neppure una parola”.  Stupisce l’apparente indifferenza di Gesù dal quale non ci aspetteremmo una risposta tanto dura. Dio non pone confini, ma non si lascia usare.

La mano di Dio nella tempesta – Vangelo di domenica 13 agosto

La mano di Dio nella tempesta – Vangelo di domenica 13 agosto

Non siamo abituati ad un Dio che si fa presente ancora prima che lo supplichiamo.

Riparare i legami – Vangelo di domenica 10 settembre

Riparare i legami – Vangelo di domenica 10 settembre

“Se il tuo fratello commetterà una colpa contro di te” è la dinamica della quotidianità, dove vivere insieme può significare anche ferirsi a vicenda e confliggere.

Uno squarcio di luce – Vangelo di domenica 6 agosto

Uno squarcio di luce – Vangelo di domenica 6 agosto

Il presupposto da cui parte oggi il Vangelo è che c’è un grande mistero dietro al volto del Signore che non possiamo comprendere del tutto.

Cercare e trovare – Vangelo di domenica 30 luglio

Cercare e trovare – Vangelo di domenica 30 luglio

Abbiamo l’istinto di pensare che il Regno dei Cieli sia qualcosa di comprensibile solo per gli angeli e raggiungibile solo nell’aldilà. E ci convinciamo che dobbiamo adattarci a un mondo…

Il seme buono e la zizzania – Vangelo di domenica 26 luglio

Il seme buono e la zizzania – Vangelo di domenica 26 luglio

Il male è entrato nel mondo e dobbiamo metterci il cuore in pace rispetto al fatto che Bene e male coesistono e che il seme buono crescerà sempre insieme alla…

Dare buoni frutti – Vangelo di domenica 16 luglio

Dare buoni frutti – Vangelo di domenica 16 luglio

Trasuda di umanità il gesto che oggi Gesù compie mettendosi a parlare alla folla con un linguaggio tanto semplice da poter essere compreso da tutti.

Il peso è leggero – Vangelo di domenica 9 luglio

Il peso è leggero – Vangelo di domenica 9 luglio

“In quel tempo” corrisponde ad un momento ben preciso. È infatti un’ora di fatica in cui l’animo di Gesù viene animato dalla paura e dallo scoramento per le tensioni sociali…

Il tutto e i suoi frammenti – Vangelo di domenica 2 luglio

Il tutto e i suoi frammenti – Vangelo di domenica 2 luglio

Gesù sembra partire in quarta per poi fermarsi e tornare indietro, quasi come per venirci a riprendere.

Il coraggio della giustizia – Vangelo di domenica 25 giugno

Il coraggio della giustizia – Vangelo di domenica 25 giugno

Vivere in un mondo in cui regna l’ingiustizia fa davvero tanta paura. Ci rende scoperti, ci fa sentire fragili. Amare non significa avere la certezza di essere ricambiati. Amare, al…

Operai per vocazione – Vangelo di domenica 18 giugno

Operai per vocazione – Vangelo di domenica 18 giugno

Se ci fermassimo a guardare le persone che ci circondando, anche noi come Gesù sentiremmo la loro stanchezza e il loro sfinimento. Il mondo sta male, l’umanità è sempre più…

Tutto è possibile – Vangelo di domenica 4 giugno

Tutto è possibile – Vangelo di domenica 4 giugno

Quanta dolcezza racchiusa in queste poche parole. L’amore del Signore, oggi, ha la tenerezza di una carezza e al contempo la forza di una montagna.

Una comunità in comunione – Vangelo di domenica 28 maggio

Una comunità in comunione – Vangelo di domenica 28 maggio

Gesù si manifesta ancora una volta per portare la pace dentro l’inquietudine dei discepoli dopo che hanno assistito alla sua crocifissione e dopo che, terrorizzati, hanno visto quel sepolcro vuoto.

La forza della sua presenza – Vangelo di domenica 21 maggio

La forza della sua presenza – Vangelo di domenica 21 maggio

Come è possibile credere, amare e dubitare? Come possono coesistere nello stesso cuore due dimensioni così contraddittorie?

Se mi ami – Vangelo di domenica 14 maggio

Se mi ami – Vangelo di domenica 14 maggio

“Se mi amate” è il presupposto di partenza che propone Gesù. Amare il Signore è il cuore del cristianesimo ed è il centro di ogni relazione umana e fraterna.

Paura dell’abbandono – Vangelo di domenica 7 maggio

Paura dell’abbandono – Vangelo di domenica 7 maggio

Il turbamento profondo che Gesù legge nel cuore dei discepoli è la paura dell’abbandono. Sente forte questa angoscia e la esplicita attraverso una rassicurazione che calma anche noi: “non sia…

La porta e il pastore – Vangelo di domenica 30 aprile

La porta e il pastore – Vangelo di domenica 30 aprile

Quante volte crediamo essenziale ciò che non lo è? Quante volte perdiamo i riferimenti e i sensi nella nostra vita? Quante volte confondiamo i “briganti” con il “Pastore”?

Nel pane spezzato – Vangelo di domenica 23 aprile

Nel pane spezzato – Vangelo di domenica 23 aprile

C’è una tristezza negli occhi dei due discepoli che gli impedisce di vedere. C’è una delusione nel loro animo per la morte di Gesù, per questa separazione a cui non…

Pace a voi – Vangelo di domenica 16 aprile

Pace a voi – Vangelo di domenica 16 aprile

Gesù è risorto e si manifesta ai discepoli pronunciando queste bellissime e semplici parole: “Pace a voi“. Lo fa mostrando i buchi nelle mani e le ferite sui fianchi.

È vivo ed è qui! – Vangelo di domenica 9 aprile

È vivo ed è qui! – Vangelo di domenica 9 aprile

Ci vuole tempo per comprendere la Resurrezione, forse non basta una sola vita per vedere e credere. Nemmeno i discepoli prediletti riescono a comprendere fino in fondo che Gesù è…

Da chiodo a chiodo – Vangelo di domenica 2 aprile

Da chiodo a chiodo – Vangelo di domenica 2 aprile

È sempre difficile accettare fino in fondo la libertà degli altri, anche quella che ha condotto Gesù ad un sacrificio così totale.

Non per la morte ma per la vita – Vangelo di domenica 26 marzo

Non per la morte ma per la vita – Vangelo di domenica 26 marzo

Gesù sa che il suo caro amico è morto e non si scompone davanti a questo terribile lutto. Raccoglie i discepoli e torna in Giudea a casa di Lazzaro, nonostante…

Vide e credette – Vangelo di domenica 19 marzo

Vide e credette – Vangelo di domenica 19 marzo

Quante volte siamo nel buio e chiediamo ripetutamente a Dio solo il perché, restando incastrati dentro l’angoscia, la paura, la tristezza. Quante volte chiediamo a Dio solo la ragione del…

Il dono di Dio! – Vangelo di domenica 12 marzo

Il dono di Dio! – Vangelo di domenica 12 marzo

L’incontro tra Gesù e la Samaritana avviene nella solitudine. Entrambi sono stanchi, abbandonati, deboli. Entrambi hanno sete.

La luce dell’amore – Vangelo di domenica 5 marzo

La luce dell’amore – Vangelo di domenica 5 marzo

I discepoli scoprono una grande verità e cadono con la faccia a terra presi dalla paura.

Tra il bene e il male – Vangelo di domenica 26 febbraio

Tra il bene e il male – Vangelo di domenica 26 febbraio

Il male è entrato nel mondo. Ce lo ricorda la Prima Lettura di oggi tratta dalla Genesi in cui il male seduce Adamo ed Eva con una tentazione potente “sarete…

Il coraggio di amare – Vangelo di domenica 19 febbraio

Il coraggio di amare – Vangelo di domenica 19 febbraio

C’è una rivoluzione nelle parole del Vangelo di oggi. E’ la rivoluzione dell’amore.